Chiamami CRISPR. Sono la tua birra

Il nome non lascia spazio a dubbi. Le doppie eliche enfatizzano elegantemente il concetto. Una scritta in basso chiarisce: “brewed with CRISPR edited yeast”, fermentata con lievito editato con CRISPR. Per essere precisi, lievito lager corretto per prevenire un difetto comune della birra, quella sgradevole nota di burro dovuta alla produzione di diacetile.

Cos’altro c’è dentro alla lattina? CRISPR, 5.2%, è una bohemian pilsner fatta con la tecnica tradizionale dell’orzo maltato a mano, luppolo Saaz, lievito e acqua. Oltre ad essere CRISPR è crisp, nel senso di fresca (viene definita “crisp, malty, helles lager”). Il tocco biotech è merito della Berkeley Yeast, che produce anche lieviti per birra aromatizzati.

Per il momento risulta sold-out, ma la CRISPR della Temescal Brewing non è l’unica birra “editata” in vendita negli Usa, eccone un’altra prodotta dalla Reinvention Brewing: A CRISPR Shade of Blonde (qui sotto in veste Summer of Love #peacelovebeer), 5.3%, con note floreali e fruttate.

Per saperne di più, c’è il paper pubblicato su Nature Communications dai ricercatori di Berkeley e la descrizione del produttore (è la birra numero 3).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...